ItalianoEnglish

Feb 13

Repubblica Dominicana alla BMT: cresce l’offerta grazie a natura e crociere

Napoli, 13 febbraio 2017 – Le meraviglie della Repubblica Dominicana in vetrina a BMT 2017, dove il Paese caraibico conferma la sua presenza per confermare il forte rapporto già esistente con il mercato del Centro Sud Italia.  Una destinazione in crescita che secondo gli ultimi dati ha visto aumentare del 6,7% il numero degli arrivi turistici. L’obiettivo per il 2017 prevede un incremento degli arrivi del + 6% per poter raggiungere il traguardo dei dieci milioni di turisti entro il 2022, indicato dal Presidente Danilo Medina.

 

Meta fra le più richieste per i viaggi di nozze, la Repubblica Dominicana negli ultimi anni ha investito molto sullo sviluppo delle infrastrutture turistiche per essere appetibile per ogni target di mercato. Non solo sposi quindi, ma anche famiglie, sportivi, crocieristi e vacanze natura.

Le crociere sono state un’opportunità importante per la destinazione soprattutto grazie al nuovo terminal di Puerto Plata, nella baia di Maimón a nord del paese, che è stato un punto chiave per l’incremento di arrivi turistici.

 

Nell’Anno Internazionale del Turismo Sostenibile dichiarato dall’Onu a livello mondiale, il ministero dell’ambiente della Repubblica Dominicana ha segnalato anche un incremento di visitatori delle aree protette dell’isola, aumento registrato negli ultimi tre anni e che ha riguardato oltre tre milioni di viaggiatori. Questo testimonia che sempre più il turista è interessato e attratto dall’offerta naturalistica della destinazione e sente l’esigenza di uscire dal proprio resort per scoprire l’anima green dell’isola caraibica.

 

Tra le aree protette di maggiore interesse da nord a sud si annoverano il Parque Nacional de Los Haitises e la cascata del Limón nella penisola di Samanà, le cascate di Damaguaja e il parco Estero Hondo a Puerto Plata, l’isola Catalina nel sud est, il Parque del Este, la Cueva de Los Tres Ojos, la Cueva de Las Maravillas e il Río Cumayasa nella parte est, e ancora il Parque Jaragua a Pedernales nel sud ovest e infine le cascate di Jima e di Jimenoa tra Bonao e Jarabacoa nel cuore dell’isola.

Tra tutte le attrazioni naturalistiche, di grande interesse per i turisti è la visita alle foreste di mangrovie, in particolare a quella del parco de Los Haitises, nella penisola di Samaná, un miracolo naturale pieno di isolotti e Durante il tour tra le mangrovie si può praticare “birdwatching” per la massiccia presenza di volatili che convivono nella zona, specie in via d’estinzione quale la poiana di Ridgway e altre quali i Piciformi, il colibrì di Hispaniola, Pellicani, Fregate, Aironi e molti altri maestosi uccelli in volo.

Ufficio Stampa BMT
Antonio del Piano
press@adelpiano.it